fbpx

Gucci Garden Archetypes: la mostra multimediale immersiva per sentirti un vero modello Gucci

fare modello Gucci mostra gucci garden archetypes

Gucci Garden Achetypes è la nuova mostra dedicata al fashion design che espone le campagne pubblicitarie più straordinarie di Gucci degli ultimi sei anni e dando la possibilità di vivere un’esperienza multimediale all’interno della mente creativa di Alessandro Michele, direttore creativo di Gucci.

Con la creazione del Giardino degli Archetipi, all’interno del Gucci Garden di Firenze, Gucci celebra i 100 anni della maison, permettendo a tutti di conoscere dal vivo il suo l’immaginario.

 

Le tappe: il revival delle 15 campagne più significative di Gucci

La mostra, inaugurata a maggio nel Palazzo della Mercanzia di Firenze,  si articola in installazioni interattive ognuna raffigurante una campagna, presentate in ordine non cronologico.

Superato l’ingresso, che appare come un centro operativo dietro le quinte, si entra in labirinto composto da corridoi e spazi tematici ispirati alle 15 campagne pubblicitarie più iconiche di Gucci degli ultimi sei anni.

mostra gucci garden archetypes firenze

I visitatori sono accolti dalla scalinata di graffiti della Campagna Pre-fall 2018 che ha segnato il 50° anniversario delle rivolte studentesche a Parigi nel maggio 1968. Da lì in poi, è un viaggio che riassume metamorfosi di Gucci guidata da Michele attraverso le campagne che hanno avuto maggiore risonanza culturale.

Dalla famosissima campagna dei Rossetti Gucci che con il sorriso di Dani Miller ha rivoluzionato i canoni di bellezza tradizionali, si passa al giardino dei sogni del profumo Gucci Bloom, dove Alessandro propose una nuova visione inclusiva di femminilità.

Troviamo anche la campagna Pree-Fall 2017, omaggio alla cultura giovanile degli anni ’70 in Africa, raffigurata da una proiezione circolare dei ballerini di colore di Northern Soul, e Rebellious Romantics, la campagna P/E 2016 che celebra l’attitudine anticonformista di Berlino, realizzata come un bagno di un locale notturno con pareti rosa e porte laccate, sotto le quali possono essere visti i piedi degli amanti.

Per P/E 2018 Alessandro ha fatto realizzare un gigantesco Murales dall’artista Ignasi Monreal, mentre una stanza suggestiva con teche piene di farfalle, orologi, parrucche e sneakers omaggia la campagna The Collectors per l’A/I 2018 che raccontava la storia di un gruppo di collezionisti compulsivi.

È rappresentato anche il caotico viaggio di per A/I 2016 attraverso la capitale giapponese: il sovraccarico sensoriale della città è reso da 150.000 paillettes a specchio e una colonna sonora assordante da sala giochi.

Archetypes rappresenta solo un frammento della metamorfosi di Gucci guidata da Michele, un incredibile viaggio sensoriale nella mente di colui che dal 2015 ha rivoluzionato i canoni di bellezza della moda.

Se posare per brand di lusso è il tuo sogno più grande, non dovresti perderti l’occasione di visitare l’interno delle riproduzioni dei set più famosi di Gucci.

 

Come e quando visitare la Gucci Garden Archetypes

La mostra Gucci Garden Archetypes è stata inaugurata a maggio e rimarrà allestita a tempo indeterminato al Gucci Garden di Firenze, mentre è destinata a viaggiare anche in Asia, da Shanghai e Hong Kong a Taipei, Tokyo, Sydney, Bangkok e Seoul.

gucci garden archetypes alessandro di michele

Dal 30 giugno invece, in occasione di Pitti Uomo, saranno visitabili dal pubblico anche gli archivi del brand, conservati nella prima sede Gucci fresca di restauro, Palazzo Settimani.

 

Visita il Gucci Garden Archetypes e immedesimati nei modelli e nelle modelle che hanno posato per le campagne più memorabili ed estrose di Gucci!

 

Credits foto: dalla mostra virtuale su gucci.com