fbpx

Il Red carpet degli Oscar 2018 è a tutto colore

notte degli oscar 2018

Ieri notte a Hollywood sono andati in scena gli Oscar. Stavolta sul Red Carpet è andata in scena il colore. Niente dress code nero per protestare contro molestie e ineguaglianze nei confronti delle donne, com’era successo durante i Golden Globe e i Bafta. Sul tappeto rosso degli Oscar si rivedono infatti il bianco e tutte le sfumature del colore, per una primavera a tutto arcobaleno. Sulla passerella del Dolby Theatre per la serata della 90ma edizione degli Oscar dominano negli abiti delle star soprattutto le sfumature del rosa – dal pallido al fucsia -, del rosso e del viola. C’è anche molto bianco, scelto ad esempio da Jane Fonda, e indossa anche la spilla di Time’s Up che in tante portano in bella vista. L’ultra violet, che è il colore pantone del 2018, è scelto da molte delle attrici come Ashley Judd. Oppure in sfumature meno accese, come il glicine di Salma Hayek.

Per quanto riguarda i premi, invece, poche le sorprese. Come Miglior film e Miglior Regia (oltre alla Miglior Colonna Sonora con Desplat) l’Academy ha premiato la favola piena di significati di La Forma dell’acqua di Guillermo del Toro. Miglior Attrice protagonista Frances McDormand di Tre manifesti a Ebbing, Missouri, che porta a casa anche l’Oscar come Miglior Attore non Protagonista con Sam Rockwell.

Purtroppo le aspettative per l’Italia sono state deluse, anche se non del tutto. Luca Guadagnino con il suo delicatissimo Chiamami col tuo nome, candidato a 4 categorie (Miglior Film, Miglior Attore protagonista, Miglior canzone e Miglior Sceneggiatura non originale) ne ha portato a casa soltanto uno: l’Oscar come Miglior Sceneggiatura Non Originale grazie a James Ivory, il vincitore più anziano della storia degli Oscar e fiero possessore di una camicia con impresso il ritratto di Timothée Chalamet, il giovane protagonista del film. L’Oscar come Miglior Attore protagonista è infine andato a Gary Oldman per la performance di Whiston Churchill ne L’Ora più buia.